La nuova Assicurazione per le Strutture Residenziali | Legge Gelli | Legge 24/2017 (2)

La Legge 24/2017 (Legge Gelli) sulla responsabilità professionale sanitaria ha posto un “obbligo assicurativo” a carico delle strutture residenziani, sanitarie e sociosanitarie, pubbliche e private,
L’obbligo assicurativo concerne, ai sensi del penultimo periodo del comma 1 dell’articolo 10, anche la responsabilità civile verso terzi degli esercenti le professioni sanitarie che vengano chiamati “in proprio”, a titolo di responsabilità extracontrattuale (e, quindi, anche per colpa lieve), ferma restando l’azione di rivalsa o di responsabilità amministrativa in caso di colpa grave.
 In virtù della legge Gelli, l’obbligo assicurativo graverà quindi su:
  • strutture residenziali,sanitarie o socio-sanitarie pubbliche e private che dovranno assicurarsi per:
  • responsabilità civile verso terzi;
  • responsabilità civile verso i prestatori d’opera;
  • danni cagionati dal personale a qualunque titolo operante presso le stesse;
  • prestazioni svolte in regime di libera professione intramuraria, in regime di convenzione con il SSN o attraverso la telemedicina;
  • responsabilità extracontrattuale verso terzi degli esercenti le professioni sanitarie;
  • sanitari che svolgono la propria attività in regime libero professionale, all’esterno della struttura o internamente o che si avvalgano della stessa nell’adempimento della propria obbligazione contrattuale assunta con il paziente;
  • sanitari che a qualunque titolo operino in strutture sanitarie pubbliche o private, per la sola ipotesi della colpa grave.

 COSA DICE LA LEGGE | Leggi qui

RC Strutture Residenziali

rc strutture sanitarie private rc professionale dei medici

LA NUOVA ASSICURAZIONE PER LE STRUTTURE RESIDENZIALI | LEGGE GELLI | LEGGE 24/2017

resideziali

Dati Contraente
Direttore Amministrativo
Direttore Sanitario
Responsabile Coperture Assicurative
Data effetto poliizza

Tags: RC STRUTTURE RESIDENZIALI Legge Gelli Legge 24/2017

statistiche
Siamo anche su Linkedin
Siamo anche su Facebook
Siamo anche su Twitter